BLOG Andrea Secci

Dove Finisce la Notte?

Si è appena concluso il primo Sunday Night estivo, nella splendida location del Beach Club in Versilia.

Musica, sorrisi, abiti eleganti leggermente audaci per via delle prime temperature tiepide, si amalgamano nella mia mente, diventando gli ingredienti della serata.

C’è il giovane cameriere che si affaccia per la prima volta sul mondo del lavoro.

C’è la ragazzina, con il trucco troppo accentuato per apparire più grande, che non è mai stata lì e si entusiasma per la sua prima vera serata con le amiche.

C’è il gruppo di ragazzi che ridono e puntano prima questa, poi quella.

C’è la signora bella ed elegante. Sorride, ma nei suoi occhi c’è la malinconia di chi chiede alla vita una seconda chance.

E poi c’è lei in abito succinto, che mi guarda mentre parlo al microfono e che si lascia guardare mentre balla in modo seducente.

Dove finisce la notte per loro?

Cosa pensa il giovane cameriere quando smonta da una serata dove tutti si divertono e lui deve lavorare?

Dove si strucca la ragazzina col viso troppo dipinto, prima di rientrare a casa?

Cosa si dicono i “vitelloni” che non hanno concluso nessuna conquista?

Cosa pensa la bella signora? Riflette sulla sua prima vita o su quella che verrà?

Ed io, mentre entro nel letto e fa quasi giorno, socchiudo gli occhi e immagino una mano che mi accarezza il viso. Non è, però, quella di lei, in abito succinto, ma quella del mio bambino, che si addormenta nei miei pensieri accanto a me.
La mia notte finisce sempre pensando a lui.

Per continuare ad usare il sito, devi accettare l'utilizzo dei Cookie. Informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close