BLOG

L’estate e la prova costume

“Mi sa che ho qualche chiletto di troppo” – dice Aly pizzicandosi i fianchi e guardando di sbieco lo specchio. “Ho deciso – prosegue – da domani, sport e dieta!”.
L’estate, si sa, è il tempo delle “prove-costume” e a me Aly sembra perfetta così, ma le donne sono sempre incontentabili. Così, eccomi di nuovo qua, pronto a raccontarvi cosa è successo qualche giorno fa.

Arriva il venerdì sera e Aly mi informa che il sabato mattina sarebbe andata a fare la prima uscita in bicicletta e mi invita ad accompagnarla.
“Volentieri” – dico io, e mi metto ad armeggiare nel ripostiglio per cercare l’olio lubrificante, per sistemare la bici prima della partenza del giorno dopo.
Di buon’ora, il sabato mattina ci alziamo.

Aly è determinata: e anzichè la solita pasta con cappuccino al bar, sceglie di fare una frugale colazione domestica a base di latte scremato e cereali. La osservo con scetticismo, ma la assecondo.
Partiamo e decidiamo di prendercela con calma. La prima uscita dev’essere sempre cauta, per non correre rischi muscolari, che comprometterebbero il prosieguo dell’attività.
“Faremo solo una pedalata in pianura” – fa lei, proseguendo a ritmo blando. Così, decidiamo di arrivare fino al mare.
Il lento pedalare, però, mi annoia. Così prendo a fare zig-zag, a sorpassarla, per poi farmi raggiungere di nuovo.
“Smettila…” – mi ammonisce lei.
Ma io continuo a punzecchiarla e a infastidirla, durante il percorso sul lungo viale che ci separa dalla spiaggia.
“Sono troppo forte per te!” – continuo io. E le rimango davanti, facendo una costante serpentina.
“Se fossimo a gareggiare – aggiungo io – sarei già steso sulla riva del mare, aspettando di vederti arrivare…”.




Non faccio in tempo a finire la frase, che dalle mie spalle sento la sua voce alla riscossa:
“…E Aly parte!” – grida, prima di sfrecciarmi accanto come nella volata finale della Milano-Sanremo.
Ritta sui pedali e incassata nel manubrio, si lancia in fuga.
Accetto la sfida e parto al galoppo.
“Non ce la farai mai, sei spacciata!” – le grido, inseguendola.

Ma lei, pur sbuffando come una locomotiva, procede a ritmo serrato, raggiungendo un gruppetto di amatori, che a loro volta stanno viaggiando sulle loro brillanti bici da corsa. Li supera (suscitando qualche commento cameratesco) e punta diritto ai viali del lungomare.
Io, sempre dietro, aspetto di vederla rallentare, ma lei non cede. Quindi, a poche centinaia di metri dall’ “arrivo”, accelero un po’ e mi affianco a lei.
“I bidoni dell’immondizia sono il traguardo!” – le grido, indicando qualche centinaio di metri più avanti.
E lei, ruggendo come una leonessa, tenta il tutto e per tutto, sputando fuori ogni riserva di energia.
Arriviamo ai bidoni assieme, e servirebbe il foto-finish per conoscere il vero vincitore.
Ovviamente io so di aver vinto, così come lei è convinta di avermi dato almeno due metri.
Fatto sta, che, stanchi e ansimanti, ci riposiamo all’ombra del ristorante delle Palme, lo stabilimento che frequentiamo estate ed inverno, dove ale, lo chef è lieto di offrirci un buon caffé e un paio di bomboloni alla crema, dedicati alle diete e allo stare in forma…

Ah dimenticavo, mi sono iscritto all’eventi di facebook “Raduno nazionale di chi non ha superato la prova costume” fate voi ….

Avvertenza

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001.

Per continuare ad usare il sito, devi accettare l'utilizzo dei Cookie. Informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close